Ecco l’ Exynos 9825, il processore del Samsung Galaxy Note 10

Dopo aver parlato poco fa di Motorola, passiamo subito a Samsung, che oggi presenterà il nuovo Galaxy Note 10 e Note 10+. Con precisione Samsung presenta il nuovo processore Exynos 9825, il primo della casa coreana con processo produttivo a 7nm EUV.

Exynos-9825

Da ricordare che il Samsung Galaxy S10 è alimentato dall’ Exynos 9820, con processo a 8nm, quindi possiamo già identificare il cambiamento più significativo di questo nuovo processore, cioè la dimensione dei nodi più piccola. Questo fa si che il processore aumenti le performance e diminuisce le risorse energetiche.

L’ Exynos 9825 non è solo un processore a 7nm, ma è anche il primo ad utilizzare un processo EUV (extreme ultraviolet lithography). Samsung dichiara che la lunghezza d’ onda ultravioletta utilizzata permette di stampare circuiti più piccoli e precisi e sviluppare un processore con più efficienza energetica.

L: Exynos 9825 è un octa-core che utilizza due cores di quarta generazione proprietari, 2 Cortex-A75 e 4 Cortex-A55. Una configurazione identica all’ Exynos 9820, inoltre abbiamo anche la stessa GPU, ARM Mali-G76 MP12. Tra le funzioni che avrà il Galaxy Note 10 sarà sicuramente il supporto 8K a 30fps o 4K UHD a 150fps, almeno il processore supporta queste risoluzione.

Nell’ Exynos 9825 viene integrata anche la NPU per una migliore assistenza AI sul comparto fotografico. Il processore supporta le memorie UFS 3.0, UFS 2.1 e memorie RAM LPDDR4X. C’è il supporto al modem integrato 4G LTE e si può accoppiare al modem Exynos 5100 per il 5G.

L’ Exynos 9825 supporta due fotocamere da 16 MP + 16 MP ed una fotocamera frontale da 22 megapixel, supporta anche il display 4K UHD (4096 x 2160) e WQUXGA (3840 x 2400).

Io sono molto emozionato di vedere questo nuovo Samsung Galaxy Note 10, anche perché sono un grande fan, ma se nel vostro caso, il processore vi sembra la stessa zuppa, beh sicuramente vi farà piacere che Samsung sta già lavorando alla prossima generazione, con Cortex-A76 o Cortex-A77 e la prima GPU per dispositivi mobili sviluppata insieme a AMD al posto di ARM.